Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Cesenatico

Cesenatico


Apre l’estate
l’aperitivo della sera,
la riva sfolla
all’ombra del grattacielo:
è Cesenatico!

Ombrelloni a strisce
posti in fila, righe
ordinate
come soldatini.

Mi vuole ubriacona
e non sono neanche brilla!

Ho barattato le noccioline
con tre panetti
per nettare a fondo la ciotola
della salsa, libera, tra tavoli e sedie
regno esclusivo di quattro giovani
e una coppia di partenopei con prole,
gli altri: i vips, gli aristocratici,
hanno disertato il campo per la cena,
magari, dopo, invaderanno
strade, pub e mercatini.

Tolgono il cielo
al passeggio dei gabbiani,
paracadutisti
con il sediolino a motore:
chissà se inquinano?
Insopportabile il rumore!
Sono in quattro anche loro,
non credo si divertano!

In terra, il bagnino
e il titolare a voci basse
per organizzare il lavoro
nelle comande del mattino.

Cos’altro c’è?

Oh si, le risa delle bariste
intente a riordinare
stoviglie
... come fossero la vita,
e mentre parlano pensano:
è finita finalmente!
Anche questa domenica è passata!

A me tristezza,
per loro la medaglia
di una battaglia vinta,
superata.

E lui che viene da lontano?
Maglia rossa, calzoni corti,
guanti alle mani -spazza-
veloce, vigoroso,
come se il giorno
fosse appena cominciato.
Accantona sabbia, conchiglie,
residui di bagordi e foglie.

Cesenatico a sera
nel tavolo che torna
sollevato alla sedia,
obliquo alla pioggia,
...ma stanotte non pioverà,
mare e cielo dicono:
serenità e pace
agli uomini di buona volontà.



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 5 giugno 2006 21:16:42


Condividi