Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Cesenatico

Sostavano
Sostavano dietro la colonna d’ingresso,
ammassati nei corpi tremanti di freddo,
in giacconi e cappotti donati e rubati,
sdruciti e rammendati, stinti e sbiaditi,
ma tutti portavano invisibile la scritta
dell’emarginazione e della diversità.

Parlavano, annuivano, dicevano
e scaldavano le mani per finta
alitando il poco calore dell’anima
che voleva un cuore caldo per forza.
Il branco delle ricacciate solitudini
obbligate agli occhi indigeni e ciechi,
abituati al panno scuro degli occhiali
sul cielo che gemeva distanza dal sole.

Nelle innominate strade della civiltà e del rispetto
i bordi erano più ghiacci della tolleranza dei padroni,
gli alberi: discinti e tristi, avvizziti d’inedia e d’indifferenza,
un paradiso di universo sociale afflitto d’opacità e finitezza,
come un miraggio eterno che si rinnova in certezza di morte.

E l’uomo?
Lui è stanco di credere in tutto, tranne che in se stesso,
ed ha lasciato, vigili al mondo, solo gli occhi del pensiero
a spiare l’assurda vita esplicarsi in condotte insensate,
inerme, ad osservare le vittime di violenze che non spargono sangue
e non urlano infamie, a contare gli oppressi che non piangono lacrime.
Solo, a considerare i troppi significati della convenienza e dell’ingiustizia.

A guardarlo, è rimasto il fantasma di un mondo e di quella sua inutile durata
alimentata dall’alienata rassegnazione immemore delle speranze e dei diritti.



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 27 dicembre 2007 10:14:54


Condividi