Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Cesenatico

Piangi se sai piangere
Piangi se sai piangere,
oppure ridi se sai ridere,
tra le rovine di questo mondo,
o dentro la reggia del cuore,
poiché sei tu a mentire,
tu che conosci il bene e il male,
sempre tu che possiedi il senno e la follia,
solo tu
che impasti di concetti e fantasie il genio e la mediocrità.
Fai ciò che vuoi,
che importa e a chi importa
il fine di questo tuo fare?
Se t’accorgi che nemmeno a te stesso
tange l’epilogo positivo e negativo
di questo esistere
a chi credi possa essere utile
il tuo tormentoso vivere?
Allora quanto ti costa l’ascoltare?
E quanto ti vale il parlare?
O peggio ancora, a chi pensi interesserà il tuo scrivere?
Non c’è ombra in questa terra,
né corpo in questo mondo,
e tantomeno anima in questo inferno
che pagherebbe per leggere i tuoi rimproveri.
Non c’è conoscenza in questo regno,
né ignoranza in questa casa,
grande abbastanza da comprendere
che vivi per amare,
che pensi per migliorare,
che parli per indicare
e scrivi per non morire.
Per questo piangi se sai piangere,
oppure ridi se sai ridere,
poiché a nulla vale
ciò che nell’intimo profondo puoi sentire…
… ecco cosa ti costringe al fare di ciò che vuoi!



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 25 settembre 2008 15:36:25


Condividi