Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Cesenatico

Non piangere
Non piangere!
Perché piangi?

Perché vago buia alle tenebre della sera,
all’umido sentiero,
quieto e desolato mi riporta a casa.

Perché tra l’olmo ed il castagno
poso stanca e arresa di ricordi.

Perché invisibile al dolore
grido all’uomo:
“La P A R O L A in petto,
con me, su me, dentro di me,
ovunque vada il silente pensiero
inutile all'uomo, al mondo, all'arte,
se chi C R E D E
non ha più S I M B O L I
per cui vivere e morire”.

Perché un fiore finto
specchia la non essenza,
riflette l'incomunicabilità del nulla,
dice al vuoto la finzione dell'essere
e, guardandosi, avvizzisce di morte
nella vita.

Perché senza verità,
abito la poca vita dell’illusioni,
e senza sincerità
confondo di dolori e rabbie,
pervado di rinunce e rese.

Perché senza libertà,
consumo il giorno che non conta,
e senza lealtà impazzisco di silenzi e grida,
sotterro di speranza e amore.

Perché ho freddo,
la notte mi porta sola…
al S I L E N Z I O.

Perché manca tutto intorno,
quando il mondo è in lotta con l'amore.

Perché mi resta solo il piacere
di serrare le palpebre all'odio.

Ecco perché P I A N G O !
Perché se mi togli il sangue,
se mi strappi le carni,
se mi trapassi il cuore di indifferenza...
io t'amerò d'anima e d'eternità.
Perché mi do morta alla vita
e viva alla Morte.
Ecco perché P I A N G O !

Continua a piangere!
Scusami!

(Marilina Frasci)
Pubblicata il 10 novembre 2009 21:59:44


Condividi