Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta La poesia è morta

Libero corpo


…sguardo
al sorriso che abbraccio,
stretto corpo alla mano
che mi percorre tutta,
chilometri di spigoli, ombre,
interminabili ere di sonno,
di morte

…lì sono nata
per la prima volta …

E mi sei padre, accorto,
bisbiglio sofferente,
alle labbra che ti sono figlie,
mentre stai creando
-materia vera- finalmente
libero corpo –amante-



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 10 aprile 2011 20:34:57


Condividi