Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Orme lontane

Pietà


La guerra è la follia d’una tragedia stanca,
vagante in terra nuda di veli e di speranza.
Con la sconfitta cuce lo strappo d’una veste,
e lacera senza quiete il cuor dell’anima terrestre.
Con un rammendo pazzo, il filo della guerra,
rotola l’umanità al fango d’una perduta terra.
Logora, sporca, con il sedere in fasce,
emana aria putrida nell’attimo in cui nasce.
Annega l’uomo e il bene col fare d’un momento
e con fasulla forza violenta il mondo al suo tormento.
Affila i lunghi artigli della caparbietà,
e poi comincia a uccidere priva di pietà.
Stermina corpi per non guarir la peste,
per non fissare in volto il lordo di cui veste.
Una camicia bianca e la cravatta blu,
sono i cenci d’una schiavitù,
di corpi esuli d’anime e d’amore,
coprenti il volto all’ombra d’un dolore.
Feroci al mondo, indifferenti al dono,
a Dio non chiedon mai perdono.
Chiedete voi,
oh angeli terrestri,
al sangue candido delle vostre vesti,
d’aver pietà della pazzia demente,
che sempre cresce
quando l’anima diserta la mente.

(Marilina Frasci)
Pubblicata il 10 settembre 2003 22:55:13


Condividi