Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Il canto del pellegrino

Roccia

Roccia,
mia caverna purpurea,
nascondiglio di ideali e paure,
mensa di speranze e desideri,
letto di incubi e sogni,
tu,
che me riempi di sangue e amore,
tu,
che me getti nel fuoco del perenne dolore,
tu,
me proteggi dal remoto e futuro torpore.

Roccia,
mio coralleo masso,
dimora di spirito e libertà,
forziere di giustizia e comprensione,
regno di umiltà e perdono,
tu,
che me nutri di passione e sentimento,
tu,
che me inondi di emozione e turbamento,
tu,
che me sazi di terreno pane e celeste vino,
tu,
me consoli dal venuto e veniente mattino.

Roccia,
mio palpitante muscolo,
sinfonia di domande e risposte,
orchestra di propositi e promesse,
maestra di progetti e costruzioni,
tu,
che me ritmi e muovi,
tu,
che me ondeggi e spingi,
tu,
che me dimeni e danzi,
tu,
il corpo musichi in sollievo,
e l’anima mia
innalzi dal peso dell’odierno sentiero.

(Marilina Frasci)
Pubblicata il 18 settembre 2003 15:15:29


Condividi