Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Il canto del pellegrino

Amico vampiro

Trascinatore
del sentimento altrui.
Ti ami molto,
mentre osservi l’anime perse
nel gioco del nascondere,
vergognose dell’ODIARE.
Spia, insulta, deridi,
degli uomini fai ciò che vuoi.
Manipola questi miei pensieri,
creatore del perverso sentire!
Nettare del mio risentimento,
casa della mia rabbia,
cucina della mia gelosia,
letto del mio odio,
fallo, ripetiti, moltiplicati,
tutto ti è concesso nel miscuglio della mia anima,
a nome di un sentimento padre e madre di vita
generatore della divina emozione,
e poi a me inchinandoti chiamami:
“Amore”.

Io, ambisco
il corpo appassito dalla sete,
che asperge lacrime
e odiando,
muore per la vita tua.

L’infinito fluire del mio sangue, a te corre,
per renderti nuovamente sazio,
dissetato dalla inesauribile mia fonte.
L’immenso zampillo del mio sangue, a te giunga,
come dono di nuova ed eterna esistenza.

Succhia, dissangua, vivi,
e quando nauseato …
VOMITA.
Nell’attesa del tuo mortale bacio,
t’osservo nel sofferente vaneggio
della inestinguibile tua sete.

(Marilina Frasci)
Pubblicata il 18 settembre 2003 15:20:36


Condividi