Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Il canto del pellegrino

Tema
Tema
Descrivi ciò che vedi
Svolgimento

Io vedo l’uomo arroccato dietro grosse mura,
tutte innalzate con i mattoni della sua paura,
e vedo lacrima scavare nella terra grossa buca,
ed ivi gettarvi il chicco del triste suo tormento.

Io vedo mani fragili e insicure coprir di speranze
gli orli delle fonde aperture, le osservo cangiar
colore per somigliar di più al grido della crudel natura,
mentre il cuor s’illumina al sognar della pianta futura.

E vedo, ancora, volti stanchi d’aspettare,
rigati fino all’anima dal troppo desiderare,
delusi, affranti, ancor non smettono il vizio del fantasticare,
ancor rammentano l’uso del pregare,
ancora chiedono di poter oltrepassare
un altro dì da consegnare al gioco del sognare,
un altro dì da devolvere al bene dell’amare.

(Marilina Frasci)
Pubblicata il 18 settembre 2003 16:24:50


Condividi