Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Il canto del pellegrino

Pensiero


Notte, che vaghi
per le disadorne stanze del sentimento mio,
che accresci una polvere,
la quale,
i sogni miei copre d’oscurità,
che violenti le albe ed i tramonti
dei giorni miei col nero, tetro,
funebre colore del tuo eterno lutto.

Notte, cosa vuoi?
Malevole pensiero, che subdolo e nocivo ti insinui
fra le già purulenti ferite della vita mia,
cosa oscuri in me?

Notte, cosa domandi?
Spregevole maga,
che falsa e maldestra ti manifesti in giochi
di infima manipolazione, cosa nascondi di me?

Pensiero,
che indistinto brancoli
per l’austera dimora della coscienza mia,
che estendi una raschiatura,
la quale,
i miraggi miei snatura in incubi,
che deturpi il chiarore e l’arcobaleno
dell’essenza mia,
col cupo, minaccioso, drammatico tono
del tuo duraturo cordoglio.

Pensiero, cosa brami?
Ostile giudizio, che sleale e cattivo ti incunei
fra le già suppuranti lesioni della esistenza mia,
cosa spregi in me?

Pensiero, cosa scacci?
Indegno negromante, che fasullo e incapace
ti espliciti
in passatempi di volgare sofisticazione,
cosa odi di me?

Cosa reclami questa notte pensiero?

Pur di non concederti alcuna soddisfazione,
son disposta a gettar via ogni cosa,
e con il bene di me, anche il male di te.








(Marilina Frasci)
Pubblicata il 18 settembre 2003 16:28:37


Condividi