Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Il canto del pellegrino

Bimba



L’animo mio di bimba
attraversa la notte della maturità
con mani sempre attaccate
l’una all’altra,
si sostengono, si fanno forza,
si abbandonano all’abbraccio
della semplice
ed infantile consolazione.

Il cuore mio di bimba
percorre l’ignoranza dell’età adulta
con piedi alati
svolazzando il cielo dei sogni.

Gli occhi miei di bimba
riversano nel ventre della notte
l’infante mio splendore,
che smerla e orla di morbido ricamo
le sue aguzze irregolarità.

Le parole mie di bimba
ovunque
in lei risuonano e,
in cantilena,
un’unica e ripetitiva frase recitano:

“Rischiarami, oh notte,
con il sole della speranza,
ricoprimi, oh notte,
con i raggi del variopinto sogno,
riparami, oh notte,
con l’ombra dell’eterno amore”.

Le paure mie di bimba
ovunque in me si annidano e,
in crescendo,
al perverso svago
della adulta notte cedono,
ed io in lui smarrisco,
in esso impoverisco,
con lui erudisco
conoscendo il triste,
macchinoso gioco della razionalità.




(Marilina Frasci)
Pubblicata il 18 settembre 2003 16:30:40


Condividi