Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Il canto del pellegrino

Il respiro di Nassiriya
Deprimente il respiro
che fievole e grave alita
la voglia di spegnersi
addosso al mondo.

Legato ha le parole
alle frange degli aquiloni
e spirando forte al cielo
risale la vita con la brama di morire.

Fatica e sogna,
impreca e prega
lo stanco respiro mio,
annichilendo l’aria esala,
inquinando l’anima soffia,
come l’impeto d’un vento
che a sé stringe la polvere
della malata terra,
e muore,
come un soldato esploso
al fuoco della pace,
e piange,
come un bimbo al quale
il vento ha rubato l’aquilone.


(Marilina Frasci)
Pubblicata il 13 novembre 2003 20:12:28


Condividi