Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Tra prosa e poesia

Queste parole da te

Aspetto il tempo della vita,
in cui tutte le cose vestono
il sentimento dell’indifferenza.

Quel tempo, durante il quale,
ogni pensiero sorvola il vasto campo delle emozioni
per dolcemente riposare nel prato delle eterne illusioni.

Quel tempo raccontato dai saggi anziani,
veduto nel panno della cataratta,
descritto dallo stridolio delle gengive nude,
decorato, come abete a natale,
dai fili argentei della capigliatura.

Quel tempo condiviso ed unico
per ogni essere umano
chiamato con il termine vecchiaia.

Lo aspetto con ansia palpitante
per udire, in quella sua autistica sordità,
queste parole da te:

“Sei stata il fiore in vaso
sempre fresco e profumato
posto al centro del mio tavolo da pranzo
che per vivere non ha mai chiesto acqua.

Sei stata il libro sempre aperto sul comodino
che la stanchezza della vita
non mi ha concesso gioia di finire.

Sei stata la mossa d’una partita a scacchi
che il ragionamento, nel timore di sbagliare,
mi ha sempre trattenuto dal fare.

Sei stata il sorriso d’ogni mia tristezza,
la vittoria d’ogni mia sconfitta,
la celeste pace dell’infernale tormento della vita,
la forza che risorge dalle ceneri d’ogni mia debolezza.

Sei stata l’eterna pianta dell’amore
radicata nel breve attimo terreno
di questa mia egoistica esistenza”.

(Marilina Frasci)
Pubblicata il 6 gennaio 2004 18:30:04


Condividi