Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Drudylla

Ho

Ho
un candelabro senza candele,
un vaso senza fiori,
guardandoli m’accorgo
di quanti vuoti
è piena la mia casa.

Ho
un tavolo senza amici,
un letto senza uomo,
toccandoli m’accorgo
di quante assenze
è colma la mia vita.

Ho
un presente senza domani,
un futuro senza infinito,
pensandoli m’accorgo
di quante illusioni
è carica la mia genialità.

Ho
un cuore senza attese,
un’anima senza pretese,
amandoli m’accorgo
di quanti lutti
è sazia la mia carnalità.

E’ triste vero?
Tanto da voler morire
mille volte nel pensiero!

Lo penso, si! Eppur non voglio,
abbandonare il sentiero dell’orgoglio.

Ho
un pianto senza sorrisi,
un destino senza paradiso,
studiandoli m’accorgo
che voglio ancora vivere
nei mille vuoti,
senza pieni,
i giorni umani
di questi miei pensieri.

Ho questo,
e molto altro indicibile,
da tener chiuso
alla pedanteria dell'insensibile.
Ho una delicatezza,
fragile ed impalpabile,
che vuole stare dentro,
nel profondo
abisso del sentimento.



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 11 luglio 2004 18:26:05


Condividi