Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Fra i rami

Io sono

Che scena arcaica, primordiale,
il passero affamato e la locusta
esanime sotto la sedia della civiltÓ,
il becco feroce nelle carni,
l'ali strappate, il ventre eviscerato
da quella fame che violenta il bene
facendogli mangiare e bere
la carne e il sangue del fratello.

Come Ŕ normale questo scempio,
obbligato percorso dell'evoluzione,
dovuto tributo della crescita umana
all'arcaica, primordiale bestialitÓ.

Io sono progresso, cultura,
impegno sociale e umanitario,
io sono passero affamato e tu,
fratello, la mia locusta,
il pasto antico e colpevole,
il cibo che salva e che condanna,
l'azione rinnegata e reiterata,
la pena attribuita e mai espiata.

Io sono affamatore di coscienze,
generatore di esseri assassini,
io sono padre e madre di caini...
Io sono il gene dei meschini.



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 16 luglio 2005 20:46:49


Condividi