Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Se non puoi

Ferragosto
Un mare niveo, argenteo, ed aria settembrina,
un ferragosto uggioso nella timida mattina,
un temporale esausto si siede a colazione
ha fame di splendori, ha sete di rumori.

Intimidito s'alza sbadigliando il sole,
allarga un po' le nuvole e pone il capo fuori,
sbircia e vede cose inaudite, incanti mai notati:
“Un’aria stuzzicante, un cielo entusiasmante,
un passero, un gabbiano ed isole lontane di giungle
e grattacieli accanto a monti impervi saturi di misteri,
e ancora, nubi sopra nubi dentro mille altre nubi
a sfolgorar d'azzurro istanti in bianco e nero".

Oh… che volontà d'uscire allo scoperto
a disvelar segreti, che esaltazione,
che frenesia, che senso d'ubriachezza e leggerezza,
e mentre il mare russa di desertica presenza
pensi che sia fiorito il giorno solo adesso,
eppure, ammirando e contemplando
hai speso ogni centesimo di vita…
… ed è già sera.

È tardi, tardi per scaldare il mondo!
Il tempo del viverti e del vivere è passato,
rimane solo l'attimo incantato conservato
in quel seme dell’amore mai piantato.




(Marilina Frasci)
Pubblicata il 15 agosto 2005 19:56:09


Condividi