Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Se non puoi

Inquietami
Inquietami, dai svegliami!

Toglimi alle braccia conserte,
agitami, dai resuscitami!
Leva le braccia in alto,
affollami, accalcami a corpi
che non conoscerei senza te.

Oh si inquietami, dai svegliami!
Ricordami che i capelli crescono
anche se non voglio
e che trecce lunghe quanto la mia vita
avvolgeranno il cielo per farne dono a te.
Insegnami che le note della vita
nascono al ritmo del cuore
e viaggiano l'infinito
solo per ricordarmi che amo te.

Oh si inquietami, dai svegliami!
Ritma la mia frenesia
in passi dolenti ed eccitanti
al soffio dei sensi in percussioni
docili al cuore notturno del giorno.

Il tuo colore mi muove, mi sveglia,
m'accende in splendidi bagliori
come la luna al cielo...
e l'anima fatica immobile alla sedia,
mentre conduce i passi miei
all'orme dei tuoi ritmi.

Non resiste la forza del corpo,
non mi lega la ragione
in questa prigionia sedotta al ritmo
e alle voglie dell'aria libera
che mi porta via, che mi libera.

Suona, percuoti, batti,
inseguimi, raggiungimi
in questa libertÓ
che insegna gioia
e dispensa felicitÓ.

Suona, vibra, ondeggia
in questa nostra libertÓ
che Ŕ musica e dolore,
in questa nostra libertÓ
che Ŕ gioia e movimento.

Oh si inquietami, dai svegliami!




(Marilina Frasci)
Pubblicata il 18 agosto 2005 0:54:05


Condividi