Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Se non puoi

Schiamazza il vento




Schiamazza il vento nelle voci,
nelle nuvole che risalgono il mare,
stridendo di freddo e stanchezza,
di vesti e parei, traballante oscilla,
silente, a bocca spalancata,
ciancia di dicerie e affamato
procede al tavolo della cena.

Poche note alla sera su tre corde e un violino.
Era vecchio, era antico, raccontava del tempo,
del suo scorrere lento, del suo eterno girare
come un nomade stanco, come zingaro affranto.

Sette gocce di cielo sono uscite dal tempo,
son cadute sul campo, seminando sgomento
han piegato l'argento, sotterrato quell'oro
reputato prezioso, e son povero anch'io,
sono nomade e stanco, sono solo ed affranto
nell'immenso tuo incanto!

Mai così nitido il mare agli occhi
specchiò questa vita esultare!

Sinuose forme, corpi marini
come sirene tessono capelli
ai peduncoli delle stelle,
fluttuanti sfiorano perle
sparpagliate su monti di corallo.

E il cielo, questo cielo d’universale silenzio,
parla al cuore sussurrando: "Amore, Amore".

“Amore, amore”, ripete il coro delle onde,
e “Amore, amore”, bisbiglia replicante il cuore.



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 19 agosto 2005 19:34:10


Condividi