Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Se non puoi

Un canto antico


Un canto antico echeggia in lontananza,
redivivo in dolce rimembranza,
richiama bastimenti e golfi distanti,
dove esuli son giunti milioni di pianti.

Lacrime nostalgiche e solitudini
d'enormi sacrifici e patimenti
approdati per fame al nuovo continente.

Un canto che non ha strofa nel finale,
prosegue senza sosta dalle voci umane,
che colme di niente ogni giorno salpano
alla ricerca del nuovo continente recitando:
“Io sono lotta impavida e onorevole,
amico dei nemici che il mondo crea,
fardello di memorie e di valori,
letto di avversari e casa d’onestà.
Se l’uomo muore sempre quando nasce,
io vivo audace quando muoio.

Il mondo sopravvive di tragedie,
mentre sognante vive di commedie,
teatrante stanco d’infiniti drammi,
recita a memoria mille e più affanni.
Interpreta ruoli disparati
e disperato attende nel finale
il meritato boato dell'applauso".

Così è stato, così ancora è!

Quel canto antico risuona in lontananza,
e sempre si rinnova in dolce rimembranza,
a richiamare bastimenti e golfi assai distanti,
dove giungono esuli ancora milioni di pianti.






(Marilina Frasci)
Pubblicata il 3 settembre 2005 20:19:35


Condividi