Autenticazione
Login


Password



Password smarrita? Clicca qui


Ricerca
Cerca per titolo

Poesia Prosa

Titolo





Cerca per contenuto

Poesia Prosa

Testo contenuto





Raccolta Se non puoi

Ti sfido



C’è! Lo vedo!
In raro immaginario di natura… C’è! Io lo sento!
Sorride serafico ai venti del mattino e con le mani
aiuta il sole a compiere in salita il suo cammino.

C’è! Lo voglio! In dedita meraviglia lo rimiro…

Sul tavolo di carta ancore e timoni,
stelle marine e salvagenti,
soli colorati e sorridenti.

Il mare un vortice d’umori
che alza aria e nuvole in terrori spaventosi
dove il bimbo crolla
a lacrime inconsolabili.

Di bocca in bocca tracima
risuonando grave
la fama spaventosa di una tromba
che scuote il cielo sconvolgendo menti,
che inquieta genti in fuga dagli eventi
in gara con il tempo
a guardia dei possedimenti.

Ha vinto l’insana viltà dell’essere:
il mondo è sgombro d’impavidi!

Restano alla vita solo gli eroi.
Il loro grido?
Fino alla fine, qualunque cosa accada!

Ti sfido!

S’avessi timore del tuo moto andrei,
fuggirei a tuo spaventoso attimo.

S’avessi certezza d’essere io
il perdente di questo crudel gioco
dove il fine ultimo è godere
del reciproco massacro,
stanne certo, io scapperei!

Ma tu non sai,
nel tuo fulgor di conoscenze, ignori!

Oppure sai e non vuoi subire
la forza intrinseca di questo esistere/resistere
... non puoi accettare la sconfitta
che mi vedrà gioire
quando tornerai
- Arreso - a sorridermi.



(Marilina Frasci)
Pubblicata il 4 settembre 2005 14:44:26


Condividi